I Maritozzi – “Andiamo, Chinaglia, andiamo!”

I “Cantieri del Signorino” ospitano i “Maritozzi”, al secolo Antonello Ricci, Alessandro Tozzi e Massimiliano Morelli, in scena con “Andiamo, Chinaglia, andiamo!”. Il reading teatrale del trio romano-viterbese è un amarcord legato non solo alla bandiera della Lazio, ma anche e soprattutto a quell’Italia in bianco e nero tanto rimpianta quanto purtroppo non replicabile.

È una storia a tre voci, scritta, letta e interpretata – appunto – dai Maritozzi, artisticamente nati nel 2012 e che fino a oggi hanno prodotto altre storie di calcio (“Italia-Brasile ’82 e le altre”, “Gigi Riva, l’uomo che accompagnò la Sardegna nel futuro”, “La Lazio dei meno nove”, “Roma-Liverpool” e “Lo Sparta Prati è uno stato mentale”) pronte sempre a intrecciare momenti di sport con attimi dell’Italietta d’un tempo, tanto bistrattata ieri quando benvoluta oggi. Fatti di cronaca e politica si intersecano infatti con gli aneddoti del racconto, che miscela in maniera sapiente la nostalgia all’ironia. L’opera dedicata in questo caso a Long John è adattabile non solo al pubblico di fede laziale, ma anche e soprattutto a quegli intenditori di calcio che non si soffermano sulle chiacchiere dei salotti televisivi ma preferiscono spulciare il passato per arpionarci il presente e soprattutto il futuro.